Che poi mi ritrovo sempre a scrivere di notte

Netflix sta trasmettendo l’ennesima serie “Dietro i suoi occhi”. L’avete vista? Io poco. Non mi incatena. Con “Luther” è stato diverso, mi è capitato di riavvolgere il nastro e riprendere dei pezzi per comprendere bene le vicende.

Rettifico, mi distraggo facilmente. La mente si perde e fa i suoi viaggi.

Con Alexa le cose procedono bene. Mia mamma la chiama Alessia e poi, vedendo che non si attiva, mi informa che non c’è. Un po’ come Marco della Pausini. O Laura di Nek.

Chissà se loro sono ritornati.

Io negli abbandoni mi perdo, soprattutto in quelli che mai avrei pensato potessero accadere. Ma poi tutto passa e allora mi sembra di non avere un cuore.

Forse perché ho smesso di mettercelo.

Insomma, vado avanti.

Come hanno fatto Nek e Laura.

E anche mia mamma.

90 pensieri riguardo “Che poi mi ritrovo sempre a scrivere di notte

  1. Le persone che se ne vanno… tocchi un nervo scoperto, credo un po’ per tutti. Pare che nessuno sia indenne da qualcuno che mai pensavamo se ne sarebbe andato, e invece non c’è più. Difficile darsi pace, ma doveroso e urgente.

    Piace a 1 persona

  2. Laura di Nek e Marco della Pausini hanno aperto un chiringuito a Milano Marittima ma poi per questioni fiscali e d’onore si sono trasferiti in Patagonia, in cui sono perse le loro tracce… Forse era meglio se restavano con la Pausini e Nek, ma poi non avremmo avuto due belle canzoni…
    Non tutto il male viene per nuocere.

    Piace a 1 persona

  3. Hai mai letto “Il meraviglioso Mago di Oz”? Il Boscaiolo di Latta non ha più il cuore, una storia tristissima la sua, e il Mago alla fine gli regalerà un piccolo cuore di seta non potendogli ridare veramente un cuore. Ma lui si dimostrerà così generoso, accompagnando fino alla fine Dorothy, che il ❤️ sembra rinascergli da solo in petto e sarà proclamato persino re dagli abitanti della terra che ha liberato dalla Strega.
    I cuori rinascono, Cuore.
    Spero di non averti annoiato, a volte mi lascio trascinare dalle storie.
    A presto

    Piace a 1 persona

  4. Il cuore c’è e solo che a volte lo mettiamo (o si mette) in standby…
    Io la chiamo sopravvivenza!
    cito: “La mente si perde e fa i suoi viaggi.” Io dico: meno male. Alcune volte è l’unico momento di felicità, un abbraccio carissima 😘

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...