Un’altra bellezza

Bernadette di sé dice che, nonostante il nome, non faccia miracoli. Bernadette si sottovaluta e i suoi miracoli sono visibili. Io sono una delle sue tante clienti. Quando vado da lei mi abbandono serenamente sul suo lettino, amorevolmente riscaldato (d’inverno), fiduciosa e serena; su di me può fare ciò che vuole, io le dò solo il là poi il suo genio fa il resto. Mi mette l’anestetico e intanto prepara aghi e colori. L’unica musica in sottofondo è il suono della sua voce. La ascolto, ci confrontiamo. Mi parla della sua vita privata come se fossi una sua grande amica, mi racconta delle sue clienti perché anche Bernadette ha bisogno di lasciare andare.  Alcune di queste sono guerriere della chemioterapia.

Ad una donna sicura di sé, non interessa più di tanto il giudizio altrui, così, come può truccarsi per uscire di casa per andare a buttare l’immondizia, può anche non farlo per partecipare ad una festa. È una scelta, la sua scelta, quella che la fa stare meglio. Ma, purtroppo, esistono degli avvenimenti negativi nella vita, tra i quali una grave malattia,  in cui è il destino a scegliere. Ed allora le priorità diventano altre, le prospettive cambiano.

I capelli che cadono, come effetti collaterali delle terapie, fanno parte di un percorso doloroso che va a pari passo con la patologia stessa.  Ma, con i capelli, se ne vanno anche le sopracciglia e le ciglia e tutto questo influisce sull’umore portando la persona a non vivere bene e se non vivi bene non combatti bene. Per poter vincere la battaglia contro la malattia occorre mettere in atto tutti i piani possibili, il primo tra tutti è quello di riuscire a ritrovare dentro di sé una sorta di serenità, di armonia, un modo in più per volersi bene e se tutto questo può essere dato da una parrucca, da un foulard, da un rossetto o da un tatuaggio non importa, ciò che conta è portare a casa il risultato che è costruito, come una casa, con mattoni ben solidi: coraggio, fiducia, voglia di vivere, amore per se stesse.

Sia chiaro, una donna è bella a prescindere, non ha canoni e non ha misure, se non nei limiti mentali di chi è mentalmente limitato. Ed allora, nonostante la malattia, sii la bellezza che incanta, che travolge, che sconvolge. Sii la bellezza da gustare, da vedere, da ammirare, da scoprire. Sii la bellezza che ti rende felice, consapevole. Sii la bellezza che fa la differenza in mezzo a tanta superficialità. Sii la bellezza che soffre, che ride, che va oltre. Sii la bellezza che è un’altra bellezza, più autentica e forte, quella che ti salverà, e se la bellezza è negli occhi di chi guarda quegli occhi devono essere principalmente i tuoi.

Sono passate quasi tre ore, mi guardo allo specchio e sorrido. Mi ricompongo, prenoto il prossimo appuntamento e saluto Bernadette, che fa i miracoli anche se dice di no.

118 pensieri riguardo “Un’altra bellezza

  1. Bentornata…. Torni a bomba Cuore. Articolo bello e delicato. Ricordo la mia mamma con la parruccona e quelle ciglia e sopracciglia così rade da sembrare malata, nonostante la chemio le avesse regalato due gote Rubiconde da sembrare sana. Ricordo quel momento… Fui io a rasarle la testa. Ogni ciocca che le tagliavo mi sentivo una stretta al cuore. Lei mi disse… Ma chi se ne importa basta vivere…. E poi scopri tutte le persone che ruotano attorno e che, come dici tu, fanno miracoli. Sono Angeli. Hai scritto cose vere e bellissime con il tuo solito tatto. Sono felice tu sia di nuovo tra noi.

    Piace a 3 people

  2. Ci son persone che non lavorano.
    No.
    Si donano. Inconsapevolmente.
    E tu, lo hai raccontato, con semplicità ma con ricchezza di sentimenti.
    Sempre positivi ed incoraggianti.
    Ti accolgo con tanta felicità.
    Ti aspettavo. Restavo seduta. Con una tazza di tè al limone in mano. Ma senza osare prendere i biscottini.
    Senza te, non avrebbero avuto nessun sapore…
    Ti abbraccio.
    Bentornata.
    ❤️

    Piace a 2 people

  3. Cuore ben ritrovata! È bello saperti ritornata. Hai scritto di piccoli dettagli che nel quadro grande di una malattia io ignoravo. Quanto vaste sono le emozioni umane. E davvero a volte un po’ di felicità passa dalle piccole cose. E strabiliante è il fatto che una donna che ne sta passando tante, mostri a chi sta meglio la semplicità delle cose belle della vita. Ti abbraccio

    Piace a 2 people

  4. Ciao Cuore! Un piacere rileggerti, sempre col tuo stile intenso, come il contenuto. Grande la tua amica Bernadette …. che non lavora lei, perché ha la fortuna di ”fare” la sua passione. Su di te un nuovo segno di lei….anch’io mi affiderei nello stesso modo tuo. Spero di poterti risentire presto, perché tu ti fai ”sentire” e questo lo apprezzo. Grazie Cuore💋💋💋💋⭐⭐⭐⭐

    Piace a 1 persona

  5. Che bella persona deve essere Bernadette!! Penso che i miracoli li faccia davvero! Mettere a loro agio le persone che le si affidano senza remore non è da tutti e poi..poi forse anche un po’ grazie a lei, sei tornata 🤗 Abbraccioneeeeee

    Piace a 1 persona

  6. un’altra bellezza è la vera bellezza, quella che non ha obblighi e clichè, non rispetta canoni e prescinde dall’estetica. ha un unico passaggio necessario, quello di fare di se stessi un germoglio da annaffiare quotidianamente fino a che diventi fiore indelebile.
    ml
    (bentornata)

    Piace a 1 persona

  7. Bel post…mi sono commossa
    Mia madre è guarita da una brutta malattia e ho rivissuto quei momenti leggendo le tue parole
    Non è stato semplice superare il tutto sia per lei sia per chi le è stato accanto
    Ringrazio tutte le persone che hanno preso a cuore la sua situazione e con immensa umanità e sensibilità l’hanno guarita.
    Per loro provo infinita gratitudine

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...