Rabbia mal riposta

L’appuntamento era stato fissato alle 10 al parco comunale. Toccava a Marco quel giorno portare il pallone. Lo cercò dappertutto, sotto il letto, negli armadi, in garage, finché si accorse che ci stava giocando il suo fratellino più piccolo e Marco non ebbe il coraggio di portarglielo via. Si recò così al parco a mani vuote.

Quando Filippo lo vide senza il pallone incomincio ad inveire contro di lui “Abbiamo perso tre partite di fila, non stiamo giocando bene. A saperlo stavo a casa a studiare visto che ho tre debiti da recuperare. Dovevo anche portare la bicicletta dal meccanico, ho bucato il copertone te lo ricordi??? E tu vieni qui senza pallone, sei proprio deficiente.”

Marco cercò invano di trovare un’alternativa, anche se non riusciva a capire il perché di tanta rabbia nei suoi confronti. Lui che a scuola lo aveva sempre aiutato, lui che nelle partite segnava sempre e che spesso lo accompagnava a casa con la sua bici. Ma Filippo continuava nel suo sfogo facendo impaurire anche gli altri bambini nel parco.

Marco, alla fine, lo ignorò e tornò a casa dove trovò la madre che stava stirando e così le raccontò tutto. Voleva capire. La mamma posò il ferro e cercò il modo più delicato, ma diretto, per spiegare al figlio che lui non aveva nessuna colpa.

Non siamo perfetti, altrimenti non saremmo umani. Commettiamo degli errori, vediamo cose che non ci fanno piacere, viviamo situazioni che ci mettono a dura prova. E accumuliamo. Perché non sempre si può dire, non sempre si può fare, non sempre si può evitare.

Ma quando si raggiunge il limite, capita di “esplodere come un petardo”  ma, troppo spesso, mai contro chi, o cosa, ci ha fatto realmente arrabbiare o chi ci ha ferito. E, quando non ce la facciamo più, purtroppo, ci sfoghiamo con chi ci è più vicino, con chi si ha più confidenza, con chi non se lo merita, con chi non è stato la causa del nostro accumulo di rabbia, ma un semplice detonatore innocente. Hai fatto bene ad andartene, vedrai che domani ti chiederà scusa.

Marco capì, diede un bacio alla mamma e quel giorno decise di allenarsi con il fratellino a cui affidò il compito di portiere..in fondo anche lui aveva accumulato.

Annunci

43 pensieri riguardo “Rabbia mal riposta

  1. E’ proprio vero, quando si mette insieme troppa rappia, troppe delusioni, sconfitte, capita quel qualcosa, magari potenzialmente insignificante, che ti fa esplodere ogni cosa, senza i risultati sperati, perchè in genere poi ci si sente in colpa per essere scoppiati tra le mani di chi non meritava tanto rumore….per nulla.
    Mio fratello è un orso, prima che mi dica qualcosa di carino penso che morirebbe, ma mi ha fatto un bonifico e nella causale ha scritto ” TE VOJO TANTO BBENE!”.
    E mi basta.

    Liked by 2 people

      1. AHAHAAH, guarda, io sono la più piccina di tutti (anche di altezza, mannaggia…) ora che mio fratello per vari problemi è tornato a stare da noi, un pò le cose sono cambiate, ma è sempre il solito orso pazzo dalla facile battuta orrenda, non so se lo cambierei facilmente 😀

        Liked by 2 people

  2. Storia delicatissima e bellissima! È proprio vero, spessissimo arrivati al punto cruciale della nostra sopportazione ci sfoghiamo con chi ci stà accanto, che solitamente è quello che non ci ha proprio fatto nulla. Bella, davvero, un’idea carina.

    Liked by 1 persona

  3. La mia…palla al piede, era la sorellina più piccola, che tutt’ora anche se lontanissima continua a sfruttare con ogni mezzo di furbizia la sorella maggiore di 15 anni…abituata sempre a mettere agni cosa al suo posto,ma..da qualche anno patti chiari sopportazione…zero,specialmente se si aggiungono tanti altri. ..troppi.
    Dovremmo essere dei pozzi senza fondo 🙂
    Sei la nostra scrittrice del cuore♥
    Felice weekend cuoricino carissimo.
    Bacioni

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...