Se la speranza è verde, la verità è blu

È seduto irrequieto su di una sedia grigia, dietro ad una scrivania incasinata ed un computer acceso su di una pagina a caso. L’ufficio ha pareti grigie, poche finestre, piante finte e c’è un temporale in arrivo. Un vigile gli ha appena messo una multa, dei ladri gli hanno svaligiato casa, trovando anche il codice Pin del bancomat e un asteroide si sta catapultando direttamente sul suo ufficio.. anche se lui tutto questo ancora non lo sa, ma poco gli importerebbe perché la sua attenzione è altrove, potrebbe anche essere alle Hawaii e nulla cambierebbe. Controlla e ricontrolla il telefono con sguardo vitreo ogni 44 secondi in fila per tre con il resto di due. Quella mattina, in un momento di coraggio aveva finalmente scritto e inviato quel messaggio che aveva partorito prima con il cuore e poi con la mente e, dal momento in cui aveva premuto invio, quella mattina era diventata così brutta che non ne ricordava una simile da tempo (e ancora non sapeva del vigile, dell’asteroide e della visita alla prostata prenotata da sua madre per il giorno successivo) L’ansia e l’ attesa lo stanno distruggendo, logorando ogni sua parte. Il messaggio ha la doppia spunta grigia ma non è ancora stato letto.Cerca di fare qualcosa per distrarsi, di lavorare non se ne parla proprio, allora prova a cercare cose a caso su Internet.. l’oroscopo di Fox con Saturno che ride fino alle lacrime, vlog di Fedez a Miami con Chiara, al ristorante con Chiara, al guinzaglio di Chiara.. tutorial su come vincere a Burraco contro il robot ..E poi finalmente eccola, la doppia spunta blu, attesa come un bagno occupato quando hai la diarrea. Il messaggio è stato letto, il cuore batte a duemila. Finalmente avrebbe avuto una risposta..giusto? Magari non subitissimo, infondo erano almeno due mesi quattro giorni e tre ore che non le scriveva, ed anche quella volta la risposta non era stata tempestiva… ora che si ricorda non aveva ricevuto risposta neanche quella volta, ma solo perché si era espresso male, il messaggio di oggi invece è chiarissimo, un “ti amo” semplice semplice, di facile interpretazione, così come la risposta che anche quel giorno tardava ad arrivare , in fondo un saluto, una carezza, un vaffa non si nega a nessuno, vero? E poi, finalmente, quel suono, la risposta è arrivata “grazie”..ed ecco un sorriso, la ragazza è anche educata. Ora può spegnere il cellulare e concentrarsi sul lavoro, già immagina la loro vita insieme …avrebbero avuto una grande casa, due figli e un cane…finché l’asteroide..

Annunci

42 pensieri riguardo “Se la speranza è verde, la verità è blu

  1. Beh, questo mi sembra ovvio, ma dirlo a chiare lettere? Scusa ma io trovo crudele non esser sinceri e lasciar che il povero/a cristo/a in quesione aspetti, speri e si faccia delle illusioni. Io son per il parlare chiaro e sopratutto detto in faccia 😉

    Liked by 1 persona

      1. Per me, tutti quelli che rispondono ad un “ti amo” con un “grazie” o non rispondono affatto, un asteroide, un meteorite o anche un semplice pomodoro contro, se lo meritano 😉. A meno che, dietro quel grazie o quel silenzio, non si nascondano delle ragioni ben valide. Nel tuo racconto, lui non solo aveva avuto la giornata più sfigata della storia, non solo aveva aperto il suo cuore, non solo si era beccato una risposta molto triste… Pure l’asteroide ?! È accanimento di sfiga, non terapeutico 😂

        Liked by 1 persona

  2. Però una cosa non mi torna …la visita alla prostata prenotata dalla madre.
    La prostata di lui? La madre in realtà è una trans e quindi la prostata è della madre? E’ una prostata a caso di un tizio che passava in quel momento?
    …vai a saperlo

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...