Chi trova una “stalker” trova un tesoro

Ringrazio Stardust Mamy per avermi insegnato, pazientemente e con tenacia, a linkare. 

Lei mi lancia inizialmente una “sfida”, io rifiuto, temporeggio, non son capace, osservo, chiudo, riapro il giorno dopo, rileggo le istruzioni, sbuffo, ma chi è questa qua..il mio blog è banalissimo, ok ci provo, niente, ma l’adolescente non poteva distrarla.

E poi, ci riesco, ed è facilissimo, ma già lo sapevo, anche no.

Ma al Challenge non cedo, non fa per me, sono scappata da facebook alle prime avvisaglie di sfida tra mamme..e poi animali domestici..

Una citazione però te la dedico, solo una però, e prometto di non denunciarti per stalker.

La voce è parte di ciò che siamo, la colonna sonora che accompagna i nostri movimenti, le nostre liti, le nostre emozioni, le nostre reazioni.
Con la voce possiamo aggredire o blandire, esasperare o attrarre,
irritare o convincere; la voce parla per noi in tutti i sensi, la voce è il
tono dell’anima.
Confesso che ho l’innamoramento
facile… anche in fatto di voci. Mi
innamoro di alcuni timbri senza distinzione di sesso, razza o religione,
faccio caso a tutte le voci e poi gioco a indovinare attraverso il loro
suono la fragilità, la sicurezza, l’onestà, la sfrontatezza, la
franchezza, la superbia, l’innocenza, la sensualità. Ci sono voci che hanno un “non so che” che ti fa venire la pelle d’oca e che a me fanno impazzire.


Dovremmo ascoltare le voci con più attenzione e lasciare che
risuonino
liberamente. E anche far sentire la nostra per lamentarci di ciò che non
ci piace, per suggerire quello che ci piacerebbe, per denunciare le
ingiustizie, per esigere ciò che ci spetta, per proporre soluzioni, per
esprimere ciò che proviamo − anche se, in alcuni casi, il pudore ci rompe
le uova nel paniere −, per dire tutto, se è quello che vogliamo dire.

Che risuonino le voci, con grande forza, come se fossimo in cima a una  scogliera  o, se preferiamo, abbassando il volume (senza abbassare il livello), perché, esprimendosi bene, non c’è bisogno di gridare. Si sa che a volte un sussurro si fa strada insinuandosi in mezzo alle urla e finisce per imporsi sullo stridore delle grida. Gravi o acute, dolci o energiche,
che si facciano sentire. Che si facciano sentire tutte le voci.”

Tratto da: ”  Alla fine andrà tutto bene  ” di Raquel Martos.

GRAZIE PER LA TUA VOCE

 

 

Annunci

14 pensieri riguardo “Chi trova una “stalker” trova un tesoro

  1. Tra scrivere e parlare preferisco indubbiamente il primo anche perché ho una voce orribile con un accento che mi fa sembrare più ignorante di quel che già sono. Ma al fascino delle voci belle non resisto nemmeno io!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...